Che cos’è la menzogna patologica?

Che cos’è la menzogna patologica?

Che cos’è la menzogna patologica?
Nuovi approcci ci aiutano a individuare un bugiardo patologico.

Tutti mentono. Nell’arco di una settimana, circa il 95% delle persone riferisce di aver detto almeno una bugia. Tuttavia, alcune persone dicono molto di più di uno. Alcune persone raccontano bugie con tale regolarità che la disonestà viene vista come una caratteristica distintiva della loro personalità. Nella nostra cultura, abbiamo vari termini che usiamo per descrivere queste persone come bugiardo abituale, bugiardo compulsivo e bugiardo cronico. Ma il termine più usato è bugiardo patologico. Per un termine così ampiamente utilizzato, c’è uno scarso accordo su come definire il termine bugiardo patologico. Se la maggior parte delle persone mente, quando decidiamo che è diventato psicologicamente problematico?

Cos’è la menzogna patologica?

La prima persona a scrivere di bugie patologiche è stata la prima persona a guadagnare un dottorato di ricerca in psicologia negli Stati Uniti, G. Stanley Hall. Nel 1890, Hall pubblicò un articolo sulla disonestà in un gruppo di 300 bambini che studiava. Discutendo i vari tipi di bugie raccontate dai bambini, ha detto che circa il 7% di loro sembra mostrare bugie patologiche. Ha sostenuto che alcuni bambini assumono personaggi completamente fraudolenti, spesso in cerca di attenzione. Altri svilupperebbero molto sofisticati, trucchi, contro e bugie. Hall proseguì sostenendo che se questi bugiardi patologici non fossero stati trattati prontamente e drasticamente, i bambini sarebbero passati all’età adulta diventando impostori, ciarlatani e abili bugiardi.

Il termine che ha usato per questa folle tendenza a mentire era pseudomania. Ha notato che mentre le bugie possono iniziare negli obiettivi di servizio come attenzione, brividi o guadagno materiale, i bugiardi patologici possono, in un certo senso, perdersi nelle loro bugie e iniziare a dire bugie che non offrono incentivi evidenti.

Allo stesso tempo, dall’altra parte dell’Atlantico, un altro ricercatore stava affrontando il concetto di menzogna patologica. Lo psichiatra tedesco molto stimato, Anton Delbrück, ha lavorato in diversi manicomi in Europa. Aveva una manciata di pazienti che mostravano uno schema insolito di disonestà pervasiva. Ad esempio, una era una donna che ha viaggiato attraverso l’Austria e la Svizzera usando inganni vanagloriosi e fantasiosi per convincere le persone in vari momenti che era una reale spagnola, una principessa rumena, l’amica benestante di un vescovo e una studentessa di medicina impoverita. È stata portata per una valutazione psichiatrica dopo aver usato un travestimento per spacciarsi per un uomo mentre frequentava un istituto scolastico. Delbrück scrisse della donna e di altri quattro casi in un libro che pubblicò nel 1891. Descrisse una condizione che chiamò pseudologia fantastica, che si traduce approssimativamente in menzogna fantastica. È importante sottolineare che, come Hall, ha notato che i bugiardi patologici non sembrano sempre avere un obiettivo tangibile a cui sono legate le loro bugie. Le loro bugie spesso sembrano scaturire senza alcun motivo percettibile.

Più tardi, nel 1915, il dottor William Healy e sua moglie Mary scrissero un testo autorevole sulla menzogna patologica. In esso, hanno definito la menzogna patologica come “la falsificazione del tutto sproporzionata rispetto a qualsiasi fine distinguibile in vista, può essere estesa e molto complicata, manifestarsi per un periodo di anni o addirittura una vita, in assenza di follia definita, debolezza di mente o epilessia”. Pertanto, la loro definizione, che ancora oggi domina, sembrava dipendere da quattro criteri diagnostici fondamentali:
1) mentire eccessivamente;
2) menzogna non ovviamente legata a motivazioni;
3) espressione a lungo termine;
4) non associato ad altre malattie psichiatriche. Riconoscono che la menzogna patologica, la pseudologia fantastica e altri termini come la mitomania erano tutti sinonimi dello stesso disturbo.

Lavori recenti sulla menzogna patologica

Sebbene la menzogna patologica sia stata descritta in letteratura da 130 anni, non è stata ampiamente accettata come entità diagnostica nella psichiatria e nella psicologia tradizionali, né è stata accettata una definizione ampiamente condivisa. Gli studi recenti non ha mai incluso la menzogna patologica come disturbo, sebbene in passato abbia elencato la menzogna come una caratteristica comune di alcuni disturbi.

Nella letteratura sulla menzogna patologica, alcuni hanno sostenuto che la menzogna patologica si verifica senza motivo, mentre altri hanno suggerito che a volte è motivata da obiettivi di miglioramento dello stato. Alcuni hanno suggerito che le bugie debbano avere una qualità fantastica o onirica, mentre altri sembrano accettare che le bugie patologiche possano essere molto realistiche. Alcuni sostengono il requisito che i bugiardi patologici non abbiano diagnosi, mentre altri non vedono la necessità di tale disposizione.

Cos’è un bugiardo patologico?

Recentemente, si è iniziato a sostenere che la menzogna patologica, come era stata descritta storicamente, non era definita nel modo in cui i professionisti della salute mentale contemporanei definiscono i disturbi. In particolare, ha osservato che i disturbi si basano su quattro criteri:
1) atipicità (sono statisticamente poco frequenti o violano le norme);
2) disadattamento (compromettono il funzionamento);
3) sofferenza (provocano disagio emotivo);
4) pericolo (creano rischi di danno o perdita per sé o per gli altri).
Questi criteri vengono utilizzati per determinare quali modelli di comportamenti, pensieri e sentimenti fanno semplicemente parte della variabilità naturale dell’esperienza umana e quali sono patologici.

In un articolo che abbiamo pubblicato all’inizio di quest’anno, abbiamo intervistato oltre 800 persone sulle loro bugie. Siamo riusciti a identificare un piccolo sottogruppo di persone che abbiamo classificato come bugiardi patologici. Sembravano avere un modello di menzogna che si adattava ai criteri diagnostici per un disturbo psicologico. La loro menzogna
1) era atipica (mentivano più della maggior parte);
2) con disadattamento (causava problemi nella vita);
3) ha causato sofferenza;
4) ha causato pericolo (la loro menzogna ha portato al rischio di danni o perdite per se stessi e per gli altri).
Inoltre, abbiamo scoperto che la maggior parte dei bugiardi patologici era alle prese con la loro disonestà problematica per oltre cinque anni. Il tipico bugiardo patologico diceva sette bugie al giorno, mentre le persone che non erano bugiardi patologici raccontavano una bugia al giorno.

Una definizione di menzogna patologica

Cos’è la menzogna patologica? Oggi la psicologia è in grado di sviluppare una definizione formale. La menzogna patologica è un modello persistente, pervasivo e spesso compulsivo di comportamento di menzogna eccessivo che porta a una compromissione clinicamente significativa del funzionamento in aree sociali, professionali o di altro tipo; provoca notevole angoscia; rappresenta un rischio per se stessi o per gli altri; e si verifica per più di sei mesi.

admin